Font Size

Cpanel
  • image
  • image
  • image
Sei qui: Home Servizi Demografici Servizi Elettorale Diritto di voto

Servizi Demografici

Diritto di voto

1 - Elettorato Attivo
L'art. 48 della Costituzione sancisce il principio del suffragio universale, conferendo la qualità di elettori a tutti i cittadini che abbiano raggiunto la maggiore età e che non si trovino in alcuna delle condizioni escludenti previste dalla legge. Il voto è altresì personale ed uguale, libero e segreto. Il suo esercizio è un dovere civico. Esso non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di una sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale previsti dalla legge. Abbiamo così individuato quello che si chiama comunemente elettorato attivo, cioè la possibilità di votare, che si distingue dall'elettorato passivo che è invece la capacità di essere eletti (al Parlamento italiano od europeo, in un Consiglio regionale, provinciale, comunale, ecc.).

L'art. 2 del D.P.R. 223/67, diciplinando l'elettorato attivo sulla base della norma costituzionale appena citata, esclude dal diritto di voto:
- i sottoposti a misure di prevenzione o di sicurezza divenute definitive;
- i condannati a pene che comportano l'interdizione perpetua o temporanea dai pubblici uffici;

L'elettore può votare solo se munito della tessera elettorale che gli viene rilasciata dall'Ufficio Elettorale del Comune di residenza.

IMPORTANTE: Pur se la Costituzione afferma che il voto è un dovere civico, esso è in primo luogo un diritto del cittadino che può scegliere liberamente se usufruirne o meno. "Il voto è un diritto di tutti i cittadini, il cui libero esercizio deve essere garantito e promosso dalla Repubblica" (art.4 T.U.361, modificato dalla legge 277/1993). Pertanto, chi non si reca a votare in occasione di una consultazione elettorale non deve più, come in passato, giustificare la sua assenza o il suo impedimento al Comune di residenza.

2 - Le sezioni elettorali
Il Comune di Mentana , dopo la riduzione delle sezioni elettorali prevista dalla legge 449/1998 e conseguentemente alla nascita del Comune di Fonte Nuova dal 15 ottobre 2001 è ripartito in 15 sezioni elettorali che corrispondono ad altrettante zone del territorio. Ciascuna sezione può raggruppare alcune vie del capoluogo o delle frazioni fra loro vicine o un'intera frazione territorialmente omogenea. Ogni elettore si reca a votare nella sezione più vicina al proprio luogo di residenza munito della tessera elettorale, nella quale è indicato sia il numero della sezione di cui egli fa parte, sia il seggio elettorale in cui recarsi a votare (di solito un edificio scolastico).
Queste sono le 15 sezioni del nostro Comune:

Prospetto ubicazione e numero dei seggi elettorali:

  • Sezioni 1-2-3-4-5 ubicate in Via S. Giorgio 25 Mentana Centro Tel 069090091
  • Sezioni 6-7-8-9 ubicate in Via Paribeni 10 Mentana Centro tel. 069090078
  • Sezioni 10-11-12-13 ubicate in Via Vigna Santucci 14 Casali tel 069093230
  • Sezioni 14-15 ubicate in P.zza Matteotti 51 Castelchiodato tel 069099161

Ogni seggio è composto da un presidente (nominato dalla Corte d'Appello competente per territorio sulla base degli elenchi in suo possesso e delle indicazioni fornite dai Comuni) e da tre o quattro scrutatori, a seconda del tipo di votazione (referendum o consultazione elettorale). Essi vengono scelti dalla Commissione Elettorale Comunale per nomina, dall' apposito albo depositato presso l'Ufficio Elettorale. Vengono nominati gli scrutatori iscritti nell'albo principale, vengono sostituiti da altri scrutatori iscritti nello stesso albo, secondo una graduatoria stabilita dalla Commissione Elettorale Comunale.

Per svolgere la funzione di presidente di seggio occorre essere iscritti nelle liste elettorali ed essere in possesso almeno del diploma di scuola media superiore; per svolgere invece la funzione di scrutatore è sufficiente la scuola dell'obbligo. Le domande per le iscrizioni negli appositi albi sono:
- presidenti di seggio: entro il 31 ottobre di ogni anno;
- scrutatori : entro il 30 novembre di ogni anno.

3 - Operazioni di voto
L'elettore munito di tessera elettorale deve recarsi al seggio di appartenenza per svolgere le operazioni di voto. Nel caso la tessera elettorale non fosse stata consegnata a domicilio dall'incaricato del Comune, egli può ritirarla presso l'Ufficio Elettorale Comunale aperto appositamente dalla settimana precedente la consultazione fino alla chiusura delle votazioni. Nel caso l'elettore avesse ricevuto la tessera elettorale ma l'avesse poi deteriorata, l'Ufficio Elettorale previa presentazione da parte dell'interessato di apposita domanda e consegna dell'originale deteriorato gli compilerà un duplicato da presentare al presidente di seggio al momento della votazione. In caso di smarrimento, il comune rilascia il duplicato della tessera al titolare, previa sua domanda, corredata della denuncia presentata ai competenti uffici di pubblica sicurezza. Ogni elettore deve recarsi a votare al proprio seggio.
All'interno del seggio possono votare anche:
- i membri del seggio, compresi i rappresentanti di partiti o gruppi politici, in determinate condizioni;
- i militari delle Forze armate e dei corpi di Pubblica Sicurezza, Carabinieri, Guardia di Finanza, Guardia Forestale, ecc. comandati di servizio al seggio.
- coloro che si presentano muniti di una sentenza della Corte d' Appello o di Cassazione che li dichiari elettori del Comune o dell'attestazione del Sindaco di ammissione al voto.
Inoltre, possono votare in luogo diverso dal proprio seggio:
- gli elettori non deambulanti, quando il loro seggio abbia barriere architettoniche: essi debbono esibire, oltre alla tessera elettorale, anche il certificato medico rilasciato dall'azienda sanitaria locale competente;
- le persone ricoverate in ospedali o case di cura che possono lì esprimere il proprio voto con una particolare attestazione del Sindaco di residenza;
- possono votare accompagnati solo gli elettori che presentano gravi impedimenti fisici, quali amputazioni alle mani, cecità, ecc.. (condizioni attestate da certificato medico rilasciato dall'Azienda sanitaria locale competente).

L'elettore può essere conosciuto dai membri del seggio, ma in ogni caso è meglio esibisca un documento d'identità per essere meglio identificato. Può andare bene anche una carta d'identità scaduta purchè risulti sotto ogni altro aspetto regolare e possa assicurare la precisa identificazione del votante.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.