Font Size

Cpanel
  • image
  • image
  • image
Sei qui: Home Servizio Tributi I.M.U. Saldo I.M.U. 2013

Servizio Tributi

Saldo I.M.U. 2013

Saldo IMU 2013

 

Entro il 16.12.2013 i sigg. contribuenti dovranno procedere al pagamento della rata a saldo per l’IMU 2013.

Le ALIQUOTE per il corrente anno sono state stabilite DA D.C.C. N. 11 DEL 19/04/2013 e ss.mm.ii:

a)      abitazione principale e relative pertinenze - 3 per mille;

b)      fabbricati rurali ad uso strumentale compresa categoria D10 (art. 13 comma 8 D.L. 201/2011) - 2 per mille;

c)       immobili categoria D (esclusa categoria D10) - 7,6 per mille (art. 1 comma 380 lettera F Legge 228/2012) destinati allo Stato;

d)      altri immobili - 6 per mille.

 

I codici utilizzabili per la compilazione dell’F24 (ordinario e semplificato) sono:

Codice

tributo

Tipologia

Destinazione

COD.

COMUNE

Percentuale   di versamento

3912

Abitazione   principale e relative pertinenze

Art.13,c.7,DL 201/2011

COMUNE

F127

100%

3913

Fabbricati rurali strumentali in   categoria catastale diversa da D/10

COMUNE

F127

100%

3916

Aree edificabili

COMUNE

F127

100%

3918

Altri fabbricati

COMUNE

F127

100%

3925

Immobili ad uso produttivo   classificati nel gruppo catastale D

STATO

F127

100%

Esenzioni IMU previste nel 2013:

 

Sono escluse dal pagamento della I Rata:

  • abitazione principale e relative pertinenze, esclusi   i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;
  • unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli IACP o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP;
  • terreni agricoli e fabbricati rurali di cui all'articolo 13, commi 4, 5 e 8, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, e successive modificazioni.

Sono escluse dal pagamento della II Rata:

              

  • abitazione principale e relative pertinenze (nella misura massima di un'unità per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6, C/7), esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;
  • abitazione di personale appartenente alle Forze Armate (art.1 comma 1 lettera c) ((Per il medesimo anno l'imposta municipale propria resta dovuta fino al 30 giugno));
  • unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli IACP o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP.
  • i terreni agricoli, nonché quelli non coltivati, , posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola;
  • i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all’articolo 13, comma 8, del decreto-legge n. 201 del 2011.
  • fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati. ((Per il medesimo anno l'imposta municipale propria resta dovuta fino al 30 giugno)).

 

Pertanto:

 

I rata

II Rata

abitazione principale e relative pertinenze

no

no

abitazione di personale appartenente alle Forze Armate

si

no

unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a   proprietà indivisa, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli IACP   o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati,   aventi le stesse finalità degli IACP.

no

no

terreni agricoli, nonché quelli non coltivati di cui all’art.   13, c. 5, del d.l. n. 201 del 2011

no

no

fabbricati rurali ad uso strumentale

no

no

fabbricati costruiti   e destinati dall'impresa   costruttrice alla vendita, fintanto   che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso   locati

si

no

I contribuenti che hanno pagato l’acconto secondo le nuove aliquote, dovranno pagare a saldo il 50% restante.

Qualora, invece, i contribuenti abbiano pagato la rata di acconto secondo le aliquote deliberate Consiglio comunale n. 50 del 29/10/2012, per l’anno 2012:

  • Aliquota base, di cui all’art. 13 comma 6, del D.L. 201/2011 aumentata dello 0,30%   = 10,60
  • Aliquota abitazione principale e relative pertinenze, di cui all’art. 13, comma 7, del D.L. 201/2011, aumento dello 0,20% = 6,00

dovranno tenerne conto nel calcolo del saldo, poiché l’Amministrazione per l’anno in corso ha ridotto le aliquote (vedi DCC n. 11 del 19.04.2013 e ss.mm.ii).

A titolo esemplificativo:

Un’ abitazione diversa dall'abitazione principale   


Imposta = rendita catastale x 5 % per 160 x 6 per mille (aliquota vigente nel 2013)

A

Rendita

B

Rendita 
  rivalutata del 5%

C

Imponibile

(rend.rival.x160)

D

Imposta   lorda

(imponib.x   6 per mille)

Imposta   dovuta

680,00

714,00

114.240,00

685,44

685,44

Nel caso di acconto I Rata calcolata ad aliquota vigente (aliquota 6xmille):

I Rata   € 343,00

II Rata   € 342,00

Nel caso di acconto I Rata calcolata ad aliquota del 2012 (aliquota 10,6xmille)

I Rata   € 605,00

II Rata   € 80,00

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.