Font Size

Cpanel
  • image
  • image
  • image
Sei qui: Home Biblioteca Archivio Storico Comunale

L'Amministrazione comunale di Mentana, in collaborazione con la Biblioteca del Comune di Mentana, il CED, la BUCAP e l'Associazione NOMENTANA DI STORIA ED ARCHEOLOGIA onlus ha realizzato con il contributo della Regione Lazio l'Archivio Storico Telematico del Comune di Mentana, procedendo alla scannerizzazione conservativa di una prima parte dell'imponente patrimonio storico ivi custodito.
Ora sarà possibile offrire al pubblico interessato una consultazione agevole delle fonti documentarie e quindi una percezione qualificata del patrimonio storico artistico che il nostro territorio conserva, il tutto a vantaggio della ricerca scientifica e di una sempre più intensa rivalutazione degli studi del territorio di Mentana .
Attraverso un database sarà possibile la fruizione dei documenti anche ai meno esperti di tecnologie informatiche. Sono state inserite, pertanto, nel suddetto database 11 volumi manoscritti per un totale di oltre 2000 immagini. Ogni singolo documento, inoltre, è fornito di diverse immagini che riproducono fedelmente gli elementi caratterizzanti del loro supporto cartaceo. Il percorso oltre ad offrire la possibilità, unica, di vedere i manoscritti degli antichi registri comunali, offre anche la versione digitale sfogliabile dello Statuto comunale emanato da Camillo Orsini, signore feudale di Mentana, intorno al 1559

L'Amministrazione comunale ringrazia a nome della cittadinanza il Prof. G.S. Vicario ed il Dott. R. Tomassini per il prezioso lavoro svolto e l'alto valore culturale del loro contributo.

Camillo Orsini e Lo Statuto Nomentano note storiche a cura del Prof. Salvatore G. Vicario.

Autorizzazione Regia Stemma 1889 Autorizzazione Regia Stendardo 1939 Statuti Nomentani 1619
Autorizzazione Regia Stemma 1889 Autorizzazione Regia Stendardo 1939 Statuti Nomentani 1559
Sfoglia Sfoglia Sfoglia

Presentazione e storia dell'archivio

(Testo a cura del Dott. R. Tomassini)

L'Archivio Storico Comunale conserva documenti prodotti e ricevuti dal Comune nell'ambito della propria attività istituzionale anteriori all'ultimo quarantennio, nonché archivi aggregati provenienti da altri enti. Nel 1980 l'apertura al pubblico dell'attuale sede di Via Crescenzio, presso la biblioteca comunale, ha reso fruibile a ricercatori, studiosi, cultori di storia locale ed anche ad un pubblico non specialista, un vastissimo patrimonio documentario di inestimabile valore ed importanza per la storia di Mentana.
La documentazione nel corso degli anni ha subito gravi perdite nonché dispersione in locali diversi, spesso non idonei. Una cospicua parte dell'archivio è andata perduta in seguito all'azione colposa e sconsiderata di persone irresponsabili. Nella primavera del 1990 il crollo di uno dei torrioni sede della biblioteca nonché deposito di una parte dell'archivio comunale ha causato la perdita di una quantità imprecisata di documentazione. Domenica 20 marzo 1988, ore 7:30. Il torrione, alto una quarantina di metri e largo otto, che ospitava una parte della biblioteca comunale, chiusa da circa otto mesi, proprio a causa delle sempre più profonde lesioni ai muri, è crollato.
Lunedì 5 marzo 1990. Sono le 19.20, la biblioteca è ormai chiusa, ma nelle sale due impiegati che sono rimasti per un lavoro straordinario, avverte la prima caduta di calcinacci e scappa in preda al panico. Hanno rischiato grosso: poco dopo, verso le ore 20, l'intera ala della biblioteca si è letteralmente sbriciolata. Venti metri di muro vengono giù improvvisamente travolgendo ogni cosa. La parte dell'edificio che si affaccia su via del Castello.

Il 17 maggio 1998 sulla facciata del Palazzo che porta il suo nome, venne posta un'epigrafe marmorea recante l'epitaffio funebre di Crescenzio il Nomentano.
Fu una breve cerimonia, che si svolse in tutta fretta, alla quale partecipò uno sparuto gruppo di persone. Non erano nemmeno presenti tutti i membri del Comitato promotore che per quell'anno avevano indetto, sotto gli auspici del Comune di Mentana, le celebrazioni per il millenario della morte di Crescenzio.

Nel mese di maggio del 2003 la biblioteca è stata riaperta a Palazzo Crescenzio. Stavolta l'intero palazzo è stato destinato a questo fine. La nuova sede ha permesso di ricollocare la sala audio-video, che per motivi di spazio era stata chiusa; è stata allestita la sala conferenze, un piccolo antiquarium, ed una mostra fotografica permanente dedicata a Jaques Swobada, scultore francese di origine ceca, che ha lasciato parte del suo patrimonio artistico nel comune di Mentana.
Tra il 1990 ed il 1992, il patrimonio archivistico è stato inventariato da Emilia Cento e Anna Ponzani sotto la direzione e il coordinamento della Dott. Maria Emanuela Marinelli della sopraintendenza archivistica del Lazio.
L'Archivio Storico contiene documentazione a partire dal 1552.
Attualmente l'Archivio storico è composto da due sezioni: la sezione preunitaria, costituita da 54 registri e quella postunitaria formata da 189 buste.

Le carte della Sezione Preunitaria sono state classificate in sei serie, divise per settori di attività amministrativa.
I – Consigli
II – Catasti
III – Registri degli Atti Civili e degli Atti criminali
IV – Istrumenti
V – Registri della contabilità
VI – Registri diversi

Scorrendo immagini e documenti riaffiora una memoria storica che contraddistingue una passata stagione di autonomia, che ha lasciato ampia testimonianza nei documenti conservati nell'Archivio Storico del nostro comune.
Si scopre così che una piccola comunità come quella di Mentana, inserita nello Stato della Chiesa, ebbe una magistratura comunale ed un ospedale e che sul suo territorio venivano riconosciuti già alla fine del 1500 importanti diritti civili (Statuti Nomentani).

Archivio Storico primo lotto scansionato nel 2015:

  • Consigli 1823-1833 Consigli [B9] 17 1823 marzo 16 - 1833 giugno 30;
  • Consigli 1833-1844 Consigli [B10] 18 1833 marzo 16 - 1844 settembre 22;
  • Consigli 1845-1862 Consigli [B11] 19 1845 marzo 9 1862 ottobre 26;
  • Libro de Consigli 1795-1820 Libro de Consigli [B7] 15 1795 novembre 1 - 1820 agosto 20;
  • Libro de Consigli dell'Illustre Comunità di Mentana 1699-1728 Libro de Consigli dell'Illustre Comunità di Mentana [B3] 11 1699 dicembre 13 – 1728 aprile 11;
  • Libro de Consigli dell'Illustre Comunità di Mentana 1742-1758 Libro de Consigli dell'Illustre Comunità di Mentana [B4] 12 1742 marzo 4 – 1758 settembre 22;
  • Libro de Consigli dell'Illustre Comunità di Mentana 1758-1772 Libro de Consigli dell'Illustre Comunità di Mentana principiato il mese di novembre, il giorno diciannove del 1758 atto come segue. Gioacchino Tancredi Segretario nell'anno 1761 [B5] 13 1758 novembre 19 - 1772 dicembre 24;
  • Libro de Consigli dell'Illustre Comunità di Mentana 1773-1795 Libro de Consigli dell'Illustre Comunità di Mentana [B6] 14 1773 gennaio 31 – 1795 settembre 27;
  • Libro dei Consigli Pubblico Consiglio 1654-1673 Libro [B1] dei Consigli ("Pubblico Consiglio") 1654 maggio 12 - 1673 ottobre 28;
  • Libro Mastro Libro Nuovo dei Consigli 1820-1823 Libro Mastro. Libro Nuovo dei Consigli [B8] 16 1820 dicembre 29 - 1823 gennaio 22;
  • Poesia Battaglia di Mentana Pacchini Raniero e relativa poesia dedicata alla Battaglia di Mentana;
  • Registro Libro del Monte della Comunità 1648-1699 Registro [B2] contenente: Libro del Monte della Comunità da riscotersi dalli Montisti deputati dalli Signori Massari pro-tempore da venire et questo anno 1648 sopra Montisti Belardino Capello e Joseppe. 1648-1699 "Libro de Consigli" 10 . 1679-1699;
  • Rivista 29-07-1912 Due edizioni della rivista 29/07/1912, edita in onore dell'anniversario della morte del Re Umberto I, una delle quali contenenti le lettere di plauso dei sindaci e della stampa.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.