Font Size

Cpanel
  • image
  • image
  • image

Servizi Demografici

Cittadinanza

Un cittadino straniero puo' acquistare la cittadinanza italiana, quando si verifica uno dei casi seguenti:

MATRIMONIO CON UN CITTADINO ITALIANO
Viene attribuita attraverso Decreto del Ministro dell'Interno su richiesta dell'interessato e nel caso non vi siano precedenti penali, e' un atto dovuto. La domanda unitamente alla documentazione necessaria che puo' essere raccolta in collaborazione con l'Ufficio di Stato Civile, deve essere presentata a:

PREFETTURA
Se il richiedente e' residente in Italia, devono trascorrere almeno 6 mesi dal matrimonio prima di poter presentare la domanda s.m. Se il richiedente e' residente all'estero, devono trascorrere almeno 3 anni dalla data del matrimonio e in questo caso la richiesta per l'acquisto della cittadinanza italiana deve essere presentata al Consolato Italiano del paese di residenza.

DOPO 10 ANNI DI RESIDENZA
Il cittadino straniero, dopo 10 anni di residenza in Italia puo' presentare richiesta alla Prefetura per l'acquisto della cittadinanza italiana, che in questo caso viene rilasciata attraverso un Decreto del Presidente della Repubblica. E' comunque opportuno ricordare che si tratta di un potere discrezionale del Presidente della Repubblica.

APOLIDI
Al bambino nato da genitori apolidi o appartenenti ad un paese che rifiuta la cittadinanza a chi nasce fuori dei confini dello stato, viene attribuita la cittadinanza italiana direttamente alla nascita.

ELENCO DEI DOCUMENTI DA ALLEGARE ALL'ISTANZA DI NATURALIZZAZIONE ITALIANA (art. 5 L. 91/92)
1) atto di nascita completo di tutte le generalità ovvero, in caso di documentata impossibilita', attestazione rilasciata dalla Autorita' diplomatica o consolare del paese di origine, debitamente tradotta e legalizzata, con la quale si indicano le esatte generalita' (pronome, cognome, data e luogo di nascita) nonchè paternita' e maternita' del richiedente
2) certificati penali del Paese di origine e degli eventuali paesi terzi di residenza relativi ai precedenti penali
3) certificato storico di residenza in bollo
4) estratto dei registri di matrimonio del Comune italiano presso il quale è stato trascritto il relativo atto (non certificato o copia dell'atto di matrimonio)
5) certificato di cittadinanza italiana del coniuge (in bollo)
6) certificato generale del casellario giudiziale (in bollo)
7) certificato dei carichi pendenti rilasciato dalla Procura della Repubblica presso la Pretura competente per territorio in relazione alla localita' di residenza del richiedente (con marche giudiziarie)
8) certificato dei carichi pendenti rilasciato dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale competente per territorio in relazione alla località di residenza del richiedente (con marche giudiziarie)
9) copia autenticata del permesso di soggiorno in corso di validita' (in bollo)
10) copia del passaporto (munita di traduzione ufficiale in lingua italiana, ove il documento non contenga indicazioni redatte, oltre che nella lingua originale, anche in lingua inglese o franchese), autenticata dalla Rappresentanza diplomatica o consolare dello Stato che lo ha rilasciato
11) certificato di stato di famiglia (in bollo).

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso.